News'n'press

Talking Heads: si riuniscono dopo venti anni per il quarantesimo anniversario del film-concerto “Stop Making Sense”

today25 Agosto 2023

Sfondo

Attivi dal 1974 al 1991 i Talking Heads hanno annunciato la propria reunion, dopo l’inclusione nel 2002 nella “Rock And Roll Hall Of Fame”, per celebrare i 40 anni dall’uscita dello storico film-concerto “Stop Making Sense”: dato alle stampe nel 1984, è colonna sonora dell’omonima pellicola. L’album – che conta un totale di 14 tracce – è stato nuovamente edito nel 1999 con l’aggiunta di altri due brani.

La reunion dei Talking Heads

Tra le band più eclettiche e importanti degli ultimi quarant’anni, i Talking Heads si ritroveranno sul palco dopo più di vent’anni dall’ultima esibizione – tenuta nel 2002 – in occasione della prossima edizione del “Toronto International Film Festival”, l’11 settembre, nella formazione originale composta da David Byrne, Tina Weymouth, Chris Frantz e Jerry Harrison prendendo parte a una sessione dal vivo di Q&A moderata dal noto regista Spike Lee. A seguire la band parteciperà anche alla proiezione del film-concerto “Stop Making Sense” – diretto da Jonathan Demme – registrato in occasione degli show tenuti dal gruppo nel dicembre 1983, al Pantages Theatre di Hollywood, durante il tour dell’album “Speaking In Tongues”.

Il film-concerto “Stop Making Sense”

Colonna sonora dell’omonimo film diretto dal regista Jonathan Demme, “Stop Making Sense” è arrivato al cinema nel 1984 ed è stato scelto nel 2021 per la conservazione all’interno del National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti come <<film culturalmente, storicamente ed esteticamente importante>>. Girato durante tre concerti tenuti dai Talking Heads al Pantages Theatre di Hollywood – andati in scena tutti sul finire del 1983 a supporto dell’album “Speaking In Tongues” – “Stop Making Sense” è passato alla storia come il primo film girato con tecnologia digital audio, e fu interamente finanziato da David Byrne e compagni con un budget totale di 1,2 milioni di dollari. Subito acclamato da critica e pubblico, è stato premiato sempre nel 1984 dalla National Society Of Film Critics in qualità di “miglior documentario”.

Scritto da: RadioRock FM106.6

0%