News'n'press

Måneskin, Pierpaolo Capovilla: “Assoggettazione delle masse”.

today15 Luglio 2022

Sfondo

Dopo il commento rilasciato sulla propria pagina Facebook ufficiale tre giorni fa, Pierpaolo Capovilla è tornato a parlare dei Måneskin intervistato stavolta da Controradio: “Il mio è stato un post duro, provocatorio”, dice, “Sono molto arrabbiato. Io penso questo del rock. Faccio musica rock. La musica rock è canzone popolare. La canzone popolare può arricchire la vita delle persone, contribuire a un processo di emancipazione culturale, sociale, politica delle masse, ma può fare anche il contrario. Può essere uno strumento di dominio e assoggettazione delle masse. Questa è una differenza radicale e cruciale tra la buona musica e quella pessima”.

A seguito del “Fuck Putin” rivolto dal cantante del gruppo, Damiano David, sul palco del Circo Massimo sabato scorso, Capovilla aveva invece scritto: “Che pena che fa questo gruppo di giovani stupidi. Conformisti, intrappolati nel successo, purissima plastica, perfetti rappresentanti di una generazione di imbecilli, incapaci persino di comprendere le circostanze storiche che hanno portato alla guerra in Ucraina”.

Scritto da: RadioRock FM106.6

Articolo precedente

0%