News'n'press

Killers, Brandon Flowers: “David Bowie mi ha cambiato la vita”

today19 Dicembre 2023

Sfondo

Intervistato stavolta da Zane Lowe su Apple Music, trascorsi pochi giorni dall’uscita, l’8 dicembre di quest’anno, della nuova raccolta “Rebel Diamonds” – celebrativa dei venti anni di carriera dei Killers, e contenente l’inedita “Spirit” – il cantante Brandon Flowers ha parlato delle sue principali ispirazioni musicali tornando a citare, tra tutti, David Bowie: scomparso nel 2016 ma tuttora punto di riferimento per l’artista, cofondatore e frontman della già citata band.

Killers, Brandon Flowers: “David Bowie mi ha cambiato la vita”

“Per qualche ragione ‘Hunky Dory’ è un capolavoro irrealizzabile da un essere umano”, dice Brandon Flowers intervistato da Zane Lowe su Apple Music, “Ma per me fu come dire: <<questo è il mio obiettivo>>. Mi influenzò molto sul finire dell’adolescenza. La cosa è buffa perché parecchi dei gruppi che ascoltavo all’epoca erano a loro volta influenzati da lui. […] Un altro momento per noi importante fu quando venne a vederci, mi pare, alla Bowely Ballroom di New York: era ancora prima che tutti potessero scattare foto col proprio telefono”. Parlando qualche anno fa con The Independent, sempre Flowers aveva così raccontato della sua passione per il Duca Bianco, cominciata in adolescenza, e divenuta in breve tempo una vera ossessione: “Ricordo ancora quando ascoltati per la prima volta ‘Changes’, convinto fosse Bob Dylan per via di come canta le strofe in quel pezzo. Realizzai poi come fosse in realtà David Bowie, da questo album chiamato ‘Hunky Dory’. Lo considero il disco per me più importante di sempre. Apprezzo il fatto sappia ancora scrivere canzoni di qualità, perché anche se un suo disco è meno ispirato c’è sempre un brano in grado di catturarti. Ma ‘Hunky Dory’ è la vetta assoluta. Non c’è una canzone che riesca a saltare. Quando l’ho ascoltato la prima volta ero in macchina che guidavo, e da lì è cambiato tutto”.

Scritto da: RadioRock FM106.6

0%