News'n'press

Emilio Pappagallo e Marco Biondi: i peggiori album rock

today27 Marzo 2023

Sfondo

Si parte prendendo spunto da un post pubblicato sui nostri social, che riporta: “NOMINA L’ALBUM PEGGIORE TRA QUELLI REALIZZATI DALLA TUA BAND PREFERITA“. Se è vero che tutti siamo fan di qualche band o di qualche artista, è anche vero che dobbiamo però avere uno spirito critico. Possiamo amare i nostri artisti alla follia ma è inevitabile che anche loro abbiano fatto qualche passo falso.

Ad esempio, l’album dei Metallica con Lou Reed purtroppo non è stato esattamente un capolavoro; The Spaghetti Incident dei Guns N’ Roses non è proprio un album per cui ti strappi i capelli; così come The Final Cut dei Pink Floyd; oppure Victim of Love di Elton John; oppure Power Up degli AC/DC. Certi album di gloriose band del prog sono assolutamente dimenticabili, così come certi album di tanti artisti italiani.

Oppure i 2 album pubblicati dai Doors dopo la scomparsa di Jim Morrison, ce li siamo dimenticati
tutti ma earno piuttosto imbarazzanti. Prendiamo in esame Other Voices del 1971 dove compare il brano “I’m Horny, I’m Stoned“, un titolo decisamente azzeccato! Manco Morrison sarebbe arrivato a tanto. L’anno prima, il 19 aprile 1970, era stato pubblicato l’album L.A. Woman, ultimo
con Morrison, quello con Riders on the Storm. E il 18 ottobre 1971 esce l’lp di cui sopra: è assurdo
constatare come l’album uscì solo 3 mesi e mezzo dopo la scomparsa di Morrison.

I Doors ci riprovarono nel 1972 con un altro album intitolato Full Circle poi si sciolsero. Con tutto il
rispetto, c’è da dire che ascoltare questi 2 album senza Morrison, è spesso una sofferenza.

 

 

 

 

 

Stone Music, prestigioso sito Rock, ha stilato la classifica degli 8 peggior album rock di sempre, album che non sono piaciuti né al pubblico e nemmeno alla critica, la classifica è la seguente:

  • N.8 GNR – Chinese Democracy (2008);
  • N.7 Deep Purple – Bananas (2003);
  • N.6 Scorpions – Eye II Eye (1999);
  • N.5 Fleetwood Mac – Time (1995);
  • N.4 Kiss – Hot In The Shade (1989);
  • N.3 Emerson Lake &Palmer – Love Beach (1978);
  • N.2 Creedence Clearwater Revival – Mardi
    Gras (1972);
  • N.1 Doors – Other Voices.

Cè poi il capitolo Oasis. Be Here Now è l’album di D’You Know What I Mean,Stand By Me, All Around The World, Don’t Go Away. E’ sicuramente il terzo in ordine di importanza della triade iniziale di album degli Oasis, ma è davvero così scarso secondo come in molti dicono? De gustibus.

 

 

 

 

Un altro sito, musicaccia.com, ha eletto i 5 peggiori album della storia del rock, la sua classifica è piuttosto diversa da quella di Stone Music, anche se ha un punto in comune. Al numero 5 mette gli
Aerosmith con l’album Just Push Play del 2001, al numero 4 i Genesis con Calling All Station, il primo e unico album senza Phil Collins e a tutt’oggi il loro ultimo album, del 1997. Al numero 3 eccolo che ritorna Other Voices dei Doors, al numero 2 ci sono i Pink Floyd con The Endless River mentre al numero 1 gli Oasis con Be Here Now! Album da molti, in effetti, criticato.

Si parla spesso Lulu, non riuscito esperimento fra Lou Reed e Metallica, ma chi l’ha ascoltato veramente?
Prendiamo dall’album, per esempio,Praticamente ognuno va per i cazzi suoi!

 

 

Lou Reed pubblicò anche il doppio Metal Machine Music, del quale ebbe a dire: «Le mie intenzioni erano serie. Ma ero anche molto, molto fuori di testa». Aggiungendo: «Non chiederò scusa a nessuno per Metal Machine Music, e non penso che bisognerebbe mettere nessuna avvertenza sulla copertina. Solo perché qualche ragazzino ha tirato fuori 7,98 dollari per averlo – non mi importa se ne ha pagati 59,98 o 75, dovrebbero essermi GRATI per aver pubblicato quella cazzo di roba, e se non gli piace possono mangiare merda di topo. Io faccio dischi per me stesso».

Stesso artista, nuova collaborazione, dal dubbio risultato ma comunque migliore rispetto a quello ottenuto con i Metallica. Parliamo del singolo con i The Killers: Tranquilize.

Anche il mensile inglese SELECT ha stilato la sua lista degli album peggiori in assoluto. Non è una vera e propria classifica ma un elenco di quelli che la redazione considera i peggiori album in assoluto. Dentro ci sono titoli che hanno fatto storia, come per esempio: OasisBe Here Now; John Lennon
Double Fantasy; Duran Duran con Thank You l’album di cover; e poi Paul Weller con Heavy Soul, l’album di Naomi Campbel; ma anche album dei Primal Scream, Stone Roses, Happy Mondays, Billy Idol con Cyberpunk e addirittura Ten dei Pearl Jam e The Dark
Side of the Moon dei Pink Floyd!

Scritto da: RadioRock FM106.6

0%