News'n'press

Bruce Springsteen: gli ambientalisti raccolgono oltre 40.000 firme per non far esibire il Boss a Ferrara perché l’evento non è “ecosostenibile”.

today1 Febbraio 2023

Sfondo

A riportarlo è il Corriere della Sera, che rivela come il concerto di Bruce Springsteen in programma al Parco Urbano Bassini di Ferrara il prossimo 18 maggio, e per il quale sono stati già venduti 44.000 biglietti, sia diventato oggetto di una petizione che ne chiede lo spostamento nell’area dell’aeroporto della città. “Non ci sono modi per rendere l’evento sostenibile nel parco”, dicono alcuni rappresentanti del comitato ambientalista “Save The Park”, “L’aeroporto è disponibile, spostiamolo lì. Quell’area potrebbe trasformarsi in una Campovolo per Ferrara”.

Di tutt’altro avviso la giunta comunale, presieduta dal sindaco Alan Fabbri, che risponde così alle criticità riportate dal già citato comitato e condivise dagli oltre 43.000 firmatari su Change.org: “Nel pieno rispetto delle esigenze ambientali”, dice, “La scelta è ricaduta sul Parco Bassani proprio per la peculiarità dello spazio. Nell’era post-Covid, le produzioni coinvolte, sia quella americana sia quella italiana, hanno preferito scegliere un luogo in cui non si possa creare della calca. Inoltre, la capienza sarà circa la metà di quella per gli analoghi concerti del Boss di Roma e Monza”. Parole, queste, che non sono bastate a rassicurare gli autori dell’iniziativa: “Qui amiamo il Boss, ma il parco non è il luogo giusto. Il Bassani è un polmone ed è stato la tenuta di caccia degli Estensi”, dice Anna Ferraresi, “Negli anni, quasi cinquanta, è stato ripopolato da avifauna e uccelli migratori, che nidificano proprio a maggio, quando dovrebbe suonare Springsteen. La sensazione è che non lo sposteranno, sono decisi ad andare fino in fondo. Eppure, si rischia anche il penale per chi reca danno alla fauna. Sono stata contattata dai comitati di Monza, dove si svolgerà un concerto analogo, hanno apprezzato l’iniziativa”.

 

Scritto da: RadioRock FM106.6

0%